IL GIOCO E' RISERVATO AI MAGGIORI DI 18 ANNI E PUO' CREARE DIPENDENZA PATOLOGICA
I CONTENUTI DI QUESTO SITO SONO RISERVATI AI MAGGIORENNI.

Storia delle Slot Machines

Siti


Il primo apparecchio rudimentale, possiamo dire l'antenato delle slot moderne, fu costruito nella seconda metà del XIX secolo dai Newyorkesi Sittman e Pitt che utilizzarono 50 carte da poker che ruotavano in cinque cilindri.
Il successo di questo  macchinario fu così strepitoso che molti bar della città lo vollero acquistare per il loro locale: inserendo una moneta da 5 cent (il nikel americano), si poteva vincere una bibita od un pacchetto di sigarette od altri premi stabiliti dal gestore del bar stesso. Modifiche successive permisero di ridurre le vincite e di aumentare pertanto il guadagno sulla macchina.

Nel 1887 il Californiano Charles Fey di San Francisco, inventò un meccanismo semplificato che riduceva ulteriormente le possibilità di vincita.
Sostituì infatti i cinque cilindri con 3 rulli, ognuno dei quali aveva cinque simboli: ferro di cavallo, spada, diamante, cuore ed il simbolo della guerra per l'Indipendenza Americana, la campana della libertà che diede il nome a questa nuova macchina, la Liberty Bell appunto.
La combinazione delle tre campane rilasciava la vincita più alta, inizialmente 10 nikel.

Successivamente furono introdotti nuovi simboli quali frutti ad esempio la ciliegia ed il melone- ed il Bar, simbolo di una compagnia di gomme da masticare che 'sponsorizzava' le macchine e forniva come vincita le stesse chewing gum.
Nel 1909 il monopolio delle slot passò in mano ad Herbert Stefano Mill, di Chicago, che sostituì la struttura in metallo con una in legno, più pratica e meno costosa. Inoltre migliorò la tecnica dei rulli aggiungendo più di 10 simboli per ognuno.
Nel 1963 la Bally Company creò la prima macchina elettromeccanica chiamandola Money Honey. Si trattava di un apparecchio completamente automatizzato che prevedeva il pagamento automatico, quindi senza l'intervento di un addetto, fino a 500 gettoni.
Grazie alla Belly fu dato grande impulso alla produzione dei giochi elettronici da casinò. Vennero introdotte macchine sempre più  complesse con combinazioni su più linee (diagonali, a zig zag), bonus, quiz, e con la possibilità di inserire più gettoni alla volta, aumentando l'investimento iniziale e di conseguenza l'eventuale vincita finale.
Nel 1996 la WMS Industries Inc.  creò la 'Reel'em In', la prima slot a video, che sostituiva completamente il sistema dei rulli ed introduceva il gioco computerizzato.